Posted on

a cura di Arturo Forlano, attivista M5Stelle

Le comunità energetiche rinnovabili, che permettono a tutti di produrre la propria energia pulita, consentono ai cittadini di partecipare da protagonisti nella transizione ecologica.
Le Comunità energetiche e l’autoconsumo collettivo sono una piccola grande rivoluzione nella quale il Movimento 5 Stelle ha sempre creduto. Recependo in anticipo la Direttiva RED II, l’Italia ha reso possibile la condivisione dell’energia elettrica prodotta da impianti alimentati a fonti rinnovabili tra più cittadini.
Si tratta di una possibilità che non esisteva prima, poiché sussisteva il limite normativo per cui l’energia prodotta da un impianto alimentato da fonte rinnovabile fosse autoconsumata al massimo dal singolo proprietario dell’impianto. Adesso invece siamo a un punto di svolta che può consentirci di poter consumare energia pulita, pagandola di meno.

In virtù delle nuove disposizioni, contenute all’art. 42-bis del D.L. 30 dicembre 2019, n.162, convertito con modificazioni dalla legge 28 febbraio 2020, n.8, i consumatori di energia elettrica possono associarsi per realizzare configurazioni di:

  • Autoconsumo collettivo, che può essere attivato da famiglie e altri soggetti che si trovano nello stesso edificio o condominio, purché i soggetti diversi dalle famiglie non producano energia come attività principale;
  • Comunità energetiche, alle quali possono partecipare persone fisiche, piccole e medie imprese, enti territoriali o autorità locali, comprese le amministrazioni comunali, ubicati in un perimetro più ampio rispetto a quello condominiale, purché siano tutti collegati alla medesima cabina di trasformazione dell’energia di media/bassa tensione e la partecipazione alla Comunità energetica rinnovabile non costituisca l’attività commerciale e industriale principale.

È fondamentale promuovere sul territorio le Comunità energetiche. Sono troppi i cittadini che sono all’oscuro di questa grande novità, Il Movimento 5 Stelle, con i suoi Portavoce nazionali, regionali, comunali e con gli attivisti. è impegnato per far conoscere e proporre le Comunità Energetiche nei territori.
In quest’ottica, questa mattina, è stata protocollata, presso il Comune di Eboli un’istanza avente ad oggetto la promozione di comunità energetiche rinnovabili, a firma della senatrice Felicia Gaudiano e degli attivisti Federico Salerno e Arturo Forlano.