Posted on

Note stampa a cura di Antonio Rosamilia, funzionario locale della Sicet-Cisl

PRESIDIO UNITARIO

VENERDI 28 MAGGIO 2021 DALLE ORE 10.00 PRESSO LA SEDE ACER CAMPANIA VIA DOMENICO MORELLI, 75 (CHIATAMONE), NAPOLI
PER DIRE

ALL’ IPOTESI DI UN AUMENTO INDISCRIMINATO DEI CANONI DI LOCAZIONE DAL 1° LUGLIO
AI RITARDI PER GLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI ALLOGGI POPOLARI
AL BLOCCO E ALLA RIDUZIONE DEI SERVIZI ALL’UTENZA
ALL’ARROGANZA E AGLI ATTEGGIAMENTI ANTISINDACALI DEI VERTICI DELL’ACER
CHIEDIAMO SUBITO
• Una decisa inversione di rotta sulla gestione dell’immenso patrimonio pubblico; • Lo sblocco delle attività gestionali dell’ACER Campania e dei cinque Dipartimenti Provinciali (volture e regolarizzazioni contrattuali, piani di rateizzazione, acquisto alloggio, ecc.); • Lo sblocco delle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio pubblico, sempre più nel degrado, con l’utilizzo delle risorse pubbliche stanziate per la riqualificazione del patrimonio (fondi CIPE, ecobonus, sisma bonus, superbonus 110%, decreto sulla qualità dell’abitare, recovery fund) attraverso la concertazione con le parti sociali per rilanciare l’Edilizia Residenziale Pubblica; • Maggiore chiarezza sui piani vendita e sblocco immediato delle pratiche di acquisto già avviate; • L’applicazione del regolamento sul recupero della morosità per dare la possibilità agli utenti di poter rateizzare il proprio debito secondo la normativa regionale in vigore; • Maggiore dotazione di personale nei Dipartimenti Provinciali, ormai sottorganico, per garantire i servizi all’utenza; • L’immediata CONVOCAZIONE di un tavolo di concertazione con le Organizzazioni di rappresentanza dell’utenza per la definizione della carta dei diritti e dei doveri; • La definizione di un Piano Casa e il rilancio dell’Edilizia Residenziale Pubblica.
Sono mesi che CHIEDIAMO una corretta applicazione dei regolamenti regionali e una svolta nella gestione amministrativa. Purtroppo, ad oggi si registra un insopportabile immobilismo dei vertici dell’ACER CAMPANIA preoccupati solo di far aumentare i canoni di locazione agli inquilini, i quali, allo stato, subirebbero una doppia beffa: SERVIZI SEMPRE PIÙ SCARSI E INCREMENTO INCONTROLLATO DEI CANONI DI LOCAZIONE.

____________________________________________________________________________________________________

SUNIA SICET UNIAT ASSOCASA
Segreterie Regionali
All’Assessore al Governo del Territorio Arch. Bruno Discepolo
P.C. Al Presidente della Giunta Regionale Della Campania On. Vincenzo De Luca
p.c. Enza Amato delegata del Presidente alle problematiche abitative
Prot. US/AG/UN/955/2021 Napoli 25/05/2021
Le scriventi OOSS e Associazioni degli inquilini, considerato che le stesse hanno indetto già da tempo un presidio di protesta davanti alla sede dell’ACER il giorno 28 maggio, ritenendo non assolutamente condivisibile l’atteggiamento antisindacale assunto dai vertici dell’azienda regionale che, da mesi, non convoca, nonostante reiterate richieste, le scriventi per l’esame delle gravi problematiche gestionali delle quali è a conoscenza anche la Regione Campania
chiedono
un differimento della riunione dell’Osservatorio fissata per lo stesso giorno del 28 p.v. per l’esame delle delicate questioni poste all’ordine del giorno e sulle quali le stesse intendono dare il proprio costruttivo contributo con proposte finalizzate a partire dalle modifiche della normativa sui canoni di locazione. Le scriventi, in ogni caso, ribadiscono la non condivisione delle proposte avanzate dalla struttura del Governo del territorio.
Si resta, pertanto, in attesa di una nuova convocazione dell’Osservatorio regionale e si porgono distinti saluti.

SUNIA SICET MIAT UIL ASSOCASA
Via Toledo 353 Via Medina 5 Via P.Immacolatella,5 Via A. Pace,25
80134 Napoli 80133 Napoli 7 1: 80133 Napbli 80143 Napoli-
081/19478100 081/5510019 081/ 5800177 081/2252411 081/5534453 081/6338749 081/287365

LETTERA UNITARIA ALL’ACER – DIFFERIMENTO OSSERVATORIO

presidio unitario 28 maggio 2021 (1)