Eboli. “Lo sviluppo economico della città di Ebolipassa dai trasporti ma occorre una riprogrammazione del servizio del trasporto pubblico”. Esordisce così sul tema del servizio del trasporto pubblico locale e delle infrastrutture a servizio della cittadina della Piana del Sele, l’ex assessore provinciale ai trasporti e alla viabilità e avvocato cassazionista, candidato consigliere comunale al Comune di Eboli con la lista “Idea Futuro” con Antonio Cuomo candidato sindaco, Michele Cuozzo, che annuncia l’idea di rilancio del territorio ebolitano.

“La città di Eboli- spiega Cuozzo- con la sua estensione, conformazione geografica e distribuzione demografica, necessita con urgenza una riprogrammazione del servizio pubblico del trasporto. Ed è sull’ubicazione delle frazioni ebolitane rispetto al Comune capoluogo-dice Cuozzo-che vi deve essere una revisione del piano trasporti.

Il collegamento tra le frazioni- aggiunge- assume valenza di linea extraurbana anche se all’interno dello stesso Comune”.

Poi la proposta dell’ex assessore provinciale ai trasporti- “Per questo- ribadisce Cuozzo-è importante incentivare un collegamento continuo e costante con il centro urbano, al fine di tutelare le fasce deboli dell’utenza e per esse: studenti, giovani e anziani. Solo così -sottolinea- ci sarà una città più centrale e vivibile”.

E sul costo della programmazione del T.p.l. Cuozzo sottolinea- “I costi- spiega l’ex assessore provinciale ai trasporti e alla viabilità di Palazzo Sant’Agostino- non graveranno in modo eccessivo sul bilancio del Comune di Eboli poiché un’attenta programmazione tra Regione Campania e Provincia di Salerno farà in modo che le aziende di trasporto, nel ridistribuire i chilometri loro assegnati, avranno benefici economici conseguenti dall’introito dei ricavi da traffico. Per questo- aggiunge Cuozzo- diventa necessario aprire un tavolo di confronto con la Regione e la Provincia al fine di attingere al fondo nazionale trasporti per garantire uno dei più importanti servizi pubblici essenziali alle fasce più deboli della comunità ebolitana. Solo in questo modo- conclude Michele Cuozzo- saremo capaci di scrivere una nuova pagina di storia per la città di Eboli”.