Asia, il monito e la riflessione di Lorenzo Pace (NM)
News Politica

Asia, il monito e la riflessione di Lorenzo Pace (NM)

*Asia, il monito e la riflessione di Lorenzo Pace (NM)*

“Usare i social con moderazione, insegnare ai giovani d’oggi il valore delle parole, i genitori hanno il compito di controllare i propri figli affinché usino i mezzi di comunicazione moderni con intelligenza”: questa in sintesi la riflessione di Lorenzo Pace, segretario cittadino di Noi Moderati Sala Consilina. Una riflessione che nasce all’indomani di quanto accaduto alla piccola Asia, giovane di Sala Consilina che ha usato i suoi canali social non per raccontare la sua malattia ma per infondere forza e coraggio in chi oggi combatte la sua stessa battaglia. A scatenare gli haters un video della piccola Asia, ricoverata al Santobono Pausilipon di Napoli, intenta a suonare il pianoforte. Duro il commento del Segretario: “Sono sensibilmente indignato, è inammissibile tanta scelleratezza gratuita, di fronte al coraggio e la voglia di andare avanti di una ragazzina di soli 14 anni. Nonostante la giovane età, la vita gli ha riservato una sfida al limite estremo della sopravvivenza – ha detto Pace – La sua storia dovrebbe far riflettere tutti, comprendere il valore della vita; la malattia ti cambia, ti rende fragile e rassegnato al peggio, tuttavia Asia dimostra con forza e determinazione di voler andare avanti. Mi stringo a lei con un caloroso abbraccio, chiedendole di andare avanti, di farsi conoscere ancora anche attraverso i social perché non è sola”. Per il segretario di Noi Moderati “il nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha compiuto un gesto importante, il sostegno dimostrato alla nostra piccola concittadina ci emoziona. Proprio in quest’ultimo anno è stato fatto un grande passo avanti sul tema dell’oblio oncologico, il diritto, ora riconosciuto per legge anche grazie alla battaglia del nostro vice presidente alla Camera dei Deputati l’onorevole Pino Bicchielli, a una persona guarita da un tumore di non fornire informazioni e non subire indagini in merito alla propria pregressa condizione patologica. È stato un gesto di civiltà di grande importanza e occorre ribadirlo”.

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux