Non solo i 72 candidati delle tre liste a sostegno, ma una partecipazione massiccia di cittadini per l’apertura della campagna elettorale di Antonio Cuomo. Il candidato sindaco di Italia Italia Viva, Pd e Idea Futuro ha scelto il luogo simbolo della politica comunale ebolitana, il chiostro di San Francesco, dove si sono celebrate le sedute di insediamento degli ultimi consigli comunali. «Siamo presenti in questa competizione elettorale per dare un senso alla politica ed ai programmi per la città – ha detto Antonio Cuomo -. Lo facciamo con passione ed impegno, muovendoci attraverso le tante competenze dei nostri candidati, donne, giovani e uomini capaci di guardare al futuro, puntando al bene comune». Poi il candidato sindaco ha toccato alcune delle criticità del territorio. «La politica ha il compito di indicare soluzioni – ha ribadito Cuomo -, a cominciare dalle questioni più urgenti.

Ci candidiamo a guidare il processo di rilancio di Eboli, attraverso modalità e programmi che recuperino il protagonismo di questo territorio. Penso ai trasporti, dove occorre un intervento che consenta al territorio di rammagliarsi, permettendo la mobilità a chi è più lontano dal centro con più corse giornaliere su tutto il territorio. Così come penso all’urgenza di intervenire sull’area ex Pezzullo, dove il progetto di finanza non decolla e dove il Comune ha il dovere di intervenire, sul piano politico ed amministrativo, recuperando alla città una zona centrale e strategica per lo sviluppo. Penso alla nostra agricoltura ed agli investimenti degli imprenditori, settori da sostenere, accompagnando chi investe e puntando ad una nuova economia e dalla conseguente occupazione. Penso ad uno sviluppo urbanistico che guardi verso la costa, sulla direttrice Eboli centro-Santa Cecilia-Litoranea, intervenendo sul Piano Urbanistico Comunale, strumento indispensabile per disegnare il futuro del nostro territorio. Fondamentale sarà anche la riorganizzazione del settore politiche sociali e scolastiche, coinvolgendo il terzo settore, per dare risposte alle fasce più fragili e combattere la dispersione scolastica, emergenza per la quale mi batto con impegno, perché la crescita dei giovanipassa ancheattraverso la scuola. Di grande importanza sarà anche un coordinamento cittadino per la sicurezza che proporrò, supporto per il comitato provinciale guidato dal Prefetto, che periodicamente ci darà la fotografia delle criticità sulle quali operare, anche in sinergia tra le forze dell’ordine. Sono solo alcune delle urgenze che troveremo sul tavolo nella prossima amministrazione comunale, ma che sapremo affrontare con programmi chiari ed un’azione amministrativa trasparente».

Eboli, 14 settembre 2021