AL VIA IL CORSO D’INGLESE PER I DIPENDENTI COMUNALI DI BATTIPAGLIA E DEGLI ALTRI ENTI DELLA PIANA DEL SELE ORGANIZZATO DALLA UIL FPL PROVINCIALE.

AL VIA IL CORSO D’INGLESE PER I DIPENDENTI COMUNALI DI BATTIPAGLIA E DEGLI ALTRI ENTI DELLA PIANA DEL SELE ORGANIZZATO DALLA UIL FPL PROVINCIALE.

25 Gennaio 2020 Off Di Marco Naponiello

 

Il sindacalista Donato Salvato: “La conoscenza dell’inglese è fondamentale per la vocazione turistica di questa provincia. Dopo l’esperienza di Salerno e ora nella Piana del Sele siamo pronti a replicare il progetto in altre aree del territorio”.E’ partito venerdì, 24 gennaio 2019, il corso di lingua inglese organizzato dalla Uil Fpl provinciale per i dipendenti del Comune di Battipaglia e gli altri Enti del comprensorio.

Il progetto, già attuato nel Comune di Salerno, sbarca dunque anche nella Piana del Sele. Il corso di inglese – totalmente gratuito per i dipendenti che hanno deciso di aderire – è tenuto dalla professoressa Veronica Raimondi nei locali del Municipio battipagliese. La durata dell’iniziativa è di 28 ore (in moduli di 4 ore ciascuno), spalmate in otto incontri che si terranno nel pomeriggio. Dopo l’esame finale ci sarà la relativa consegna dell’attestato di partecipazione. Ogni incontro sarà dedicato a migliorare i servizi utilizzando a pieno gli strumenti informatici per valorizzare le competenze delle maestranze.

“In un contesto lavorativo che diventa ogni giorno più complesso, – ha spiegato Donato Salvato, segretario generale della Uil Fpl Salerno – abbiamo pensato di esportare in provincia il progetto dopo l’esperienza fatta al Comune di Salerno. La conoscenza dell’inglese è fondamentale per la vocazione turistica di questa provincia. Anche per il corso di Battipaglia siamo stati inondati di domande da parte di dipendenti che volevano partecipare al corso e abbiamo raggiunto il considerevole numero di 33 iscritti. Ringraziamo il sindaco Cecilia Francese per aver sposato la nostra iniziativa. Come sindacato confermiamo intenzione di estendere questo corso anche ad altre zone del Salernitano. Se ci dovessero essere richieste da parte dei Comuni delle zone interne, faremo partecipare anche loro”.