IL CONSUMO DEL SUOLO E LA TUTELA DEL PAESAGGIO CULTURALE- ASPETTI STORICI ETICI ED AMBIENTALI

IL CONSUMO DEL SUOLO E LA TUTELA DEL PAESAGGIO CULTURALE- ASPETTI STORICI ETICI ED AMBIENTALI

4 Dicembre 2019 Off Di Marco Naponiello

Si terrà in sala conferenze giovedì 5 dicembre 2019 alle ore 18:00
la conferenza di presentazione dell’iniziativa presso il Palazzo di
Città, sala conferenza “Domenico Vicinanza”. Saranno presenti nella
Sala la sindaca d.ssa Cecilia Francese, il Dirigente scolastico dott.
Fortunato Ricco, la Dirigente scolastica d.ssa Lea Celano, la
Presidente associazione Ebla d.ssa Manuela Scarpinati, la Responsabile
del progetto d.ssa Loreta Mastrolonardo, il ch.mo Prof. Mauro
Menichetti Unisa.

La Piana del Sele la cui conformazione agricola ed urbanistica è
il risultato di forti azioni antropiche e fisiche è la protagonista
del programma didattico che si propone all’attenzione sia dei giovani
che della classe docente nonché della Città.

L’iniziativa nasce da una proposta progettuale dell’Associazione
Ebla che raccordando distinte attività, già messe in campo sia dal
Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale con “Il Territorio
come Bene Culturale”, sia dagli istituti I.I.S. Besta-Gloriosi Settore
Tecnico e I.C. “Alfonso Gatto” ha permesso di giungere il 18 novembre
alla firma di un Protocollo di Intesa fra le parti che si auspica
duraturo e proficuo.

Gli aspetti storico-archeologici saranno esaminati dal
Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli
Studi di Salerno con esempi di interazione e trasformazioni che hanno
prodotto variati paesaggi culturali.

Gli aspetti ambientali saranno trattati da docenti universitari e
interni agli Istituti e verteranno sulla sostenibilità ambientale ed
il consumo del territorio. Si assume, come punto di partenza la
relazione conclusiva della Conferenza delle Nazioni Unite sullo
sviluppo sostenibile del 2012 che limitava nel 2030 il tempo massimo
per la costruzione di percorsi che stabilizzassero la relazione tra
consumo del suolo e crescita demografica. Si porrà l’attenzione sul
delicato equilibrio ambientale del nostro pianeta analizzando le
motivazioni del riscaldamento globale, del dissesto idrogeologico e
del consumo del suolo.

Gli aspetti Etici Saranno illustrati sia l’approccio globale alla
questione ambientale della Chiesa Cattolica che i danni apportati
dalla cultura dello “scarto” oggi predominante. I ragazzi leggeranno
la “Laudato si” che parte dall’assunto che società e ambiente, natura
e storia si degradano e gridano insieme ed infatti afferma: “I gemiti
di sorella terra si uniscono a quelli degli abbandonati del mondo”.