Posted on

 

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO INTEGRALMENTE, LA MISSIVA DI LORENZO CONTE, SEGRETARIO PROVINCIALE DELLA UIL-FPL.

 

Alla Direzione Sanitaria del

Presidio Ospedaliero di Eboli

e, per conoscenza

– Al Direttore Generale

A.S.L. Salerno

– Al Direttore Sanitario

A.S.L. Salerno

– Al Sindaco della Città di Eboli

Loro Sedi

Oggetto: emergenza COVID 19 – Riorganizzazione posti-letto – Disposizione Direzione

Sanitaria Presidio Ospedaliero di Eboli n. 68357 del 16/3/2020 – Richiesta di

immediata revoca – Ulteriore sollecito.

Con il provvedimento indicato in oggetto, codesta Direzione Sanitaria, pur in assenza  di qualsiasi indicazione e/o raccomandazione di Autorità sovraordinata, ha disposto la ancora inspiegabile “urgente riorganizzazione” dei posti-letto di alcune UU.OO., in particolarel’accorpamento di Ortopedia ed Urologia con Chirurgia ed ORL con Oculistica.

Questa Organizzazione Sindacale, con note prot. n. 128 del 18/3/2020 e n. 133 del 21/3/2020, evidenziando marcatamente che tale riorganizzazione “non risponde ai criteri previsti” da varie disposizioni (governative e regionali), ha con la prima anche “proposto di sospendere la riorganizzazione, con immediatezza”, mentre con la seconda ha anche “richiestola revoca immediata della riorganizzazione proposta dal D.S. del P.O. di Eboli”.

È giunta notizia che, per tale disposizione, è stata inoltrata al Presidente della GiuntaRegionale della Campania specifica “Interrogazione a risposta scritta” (prot. n. 108 del 20/3/2020), da parte del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, al fine di verificare la correttezza della scelta a fronte di un ampliamento, con le necessarie attrezzature, del “già esistente reparto di malattie infettive”.Ad oggi, non è dato sapere l’esito della predetta Interrogazione, sostanzialmente in linea con quanto evidenziato dalla scrivente.

In data 24 marzo 2020, con nota n. 72714, codesta Direzione Sanitaria ha “comunicato”,ma non a tutti (?) gli originari destinatari del provvedimento in parola, che la U.O. di Ortopedia“…a far data dal27/3/2020…potrà rientrare nei locali di appartenenza e riorganizzarsi con soli 6 posti letto…” Quindi, fino a prova contraria, nessuna revoca è stata disposta, ma trattasi di semplice comunicazione a “poter fare”, lasciando di fatto immutata la riorganizzazione iniziale, se è vero che Urologia resta accorpata a Chirurgia ed ORL ad Oculistica. E ben si conoscono gli esiti dei “temporanei” accorpamenti posti dalla Direzione Sanitaria in indirizzo nel corso degli anni.

A questo punto, sorgono spontanei i quesiti:

1) ma codesta Direzione Sanitaria ritiene veramente di poter mantenere, senza motivazioni

plausibili, l’accorpamento in parola?

2) ma codesta Direzione Sanitaria è davvero convinta di non dover o poter tenere conto delle

sollecitazioni della componente sindacale, soprattutto quando sono fondate su oggettive

motivazioni?

A meno di altri progetti che codesta Direzione Sanitaria ha ipotizzato riguardo, per esempio, alla destinazione di tutti gli ambienti della U.O. di Ortopedia, nel qual caso sarebbe gradita formale comunicazione (cfr. forma scritta) prima di tutto ai vertici della A.S.L. Salerno e poi anche alla scrivente O.S.

Ovviamente, con contestuale indicazione degli eventuali co-ideatori di tali progetti. Tutto quanto sopra, si sollecita a codesta Direzione Sanitaria il già richiesto provvedimento di revoca immediata della disposizione n. 68357 del 16/3/2020.Al Direttore Generale, anch’egli in indirizzo per opportuna e doverosa conoscenza, si chiede, in difetto della revoca in parola da parte della predetta Direzione Sanitaria, autorevole

intervento perché si disponga quanto sollecitato con la presente, anche al fine di garantire il dispiegarsi delle normali attività in capo a tutte le UU.OO. interessate.

Distinti saluti

La Segreteria Provinciale UIL FPL

Lorenzo Conte